Ingegneria meccanica (magistrale)

Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica completa la formazione dell’ingegnere meccanico con solide competenze nella progettazione, produzione e gestione di prodotti e sistemi ad alto contenuto tecnologico e di innovazione. Prepara l’ingegnere meccanico a funzioni direttive o di ricerca e sviluppo nell’ambito dell’industria manifatturiera e dei servizi collegati, con attenzione sia alle competenze trasversali sia alle competenze specialistiche richieste per affrontare i problemi complessi di natura interdisciplinare.

 

Al primo anno sono previsti insegnamenti obbligatori di approfondimento delle discipline meccaniche, mentre al secondo anno è disponibile un’offerta molto ampia di corsi a scelta (anche in inglese) organizzata in percorsi formativi flessibili  che lo studente può adattare alle proprie specifiche esigenze di formazione.

 

Molti insegnamenti prevedono attività di progettazione, sperimentazione e analisi presso i laboratori didattici e di ricerca .

Gli sbocchi occupazionali  del laureato magistrale in Ingegneria Meccanica riguardano sia industrie meccaniche sia enti di ricerca pubblici e privati ad alto contenuto di innovazione con accentuata vocazione alla ricerca e sviluppo.

L’ingegnere meccanico magistrale svolge tipicamente funzioni di ricerca e sviluppo, progettazione, direzione di stabilimento e gestione degli impianti complessi; la sua formazione multidisciplinare consente un facile adattamento a realtà aziendali di diverse dimensioni e può operare con successo anche in ambito tecnico-commerciale, manutenzione, gestione qualità e logistica.